STUDIO LEGALE PITRUZZELLA

Via Nunzio Morello, 40 - Palermo - TEL. 091.6256508

P.IVA 05026030824

Irap professionisti e dipendenti

Spetta il rimborso IRAP all’avvocato con costi per professionisti esterni

Nuovo intervento della Cassazione sul rimborso dell’IRAP versata dai professionisti, in questa occasione i Giudici del Palazzaccio affrontano la vicenda di un avvocato al quale era stato negato il rimborso dell’IRAP in quanto, secondo i giudici del gravame, l’aver sostenuto costi per l’attività di collaboratori esterni configura il presupposto impositivo dell’IRAP costituito dalla sussistenza di un’autonoma organizzazione. Per il contribuente...
Leggi articolo

Non soggetti ad IRAP i compensi del medico per le attività svolte extra moenia presso strutture sanitarie.

La Cassazione torna sul problema dell’IRAP legata ai compensi percepiti dal medico per le attività svolte extra moenia presso case di cura private ribadendo che ai fini della soggezione ad IRAP di tali proventi non è sufficiente che il lavoratore si avvalga di una struttura organizzata, ma è anche necessario che questa struttura sia "autonoma", cioè faccia capo al lavoratore stesso, non solo ai fini operativi, bensì anche sotto i profili...
Leggi articolo

Illegittimità delle trattenute IRAP operate dall´Azienda e dall´Università sui compensi per l´attività libero professionale intramurali

Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Firenze ha nuovamente affermato un chiaro principio giurisprudenziale secondo cui l'IRAP per l'attività intra moenia prestata dai dirigenti medici deve essere versata dall'Azienda di appartenenza in quanto soggetto che organizza l'attività e  deve gravare sull'utente che richiede la prestazione sanitaria non sul medico. Nel caso di specie il ricorrente aveva svolto attività libero professionale intra moenia, e...
Leggi articolo

IRAP: irrilevanti le spese per compensi a colleghi medici.

La Corte di Cassazione con l'ordinanza n. 17344 del 25 agosto 2016, sul solco dei principi sanciti dalla sentenza a Sezioni Unite n. 9451/2016, ha sancito che i compensi corrisposti a colleghi medici in caso di obbligatoria sostituzione per malattia o ferie, circostanza frequente nei medici di base che devono assicurare un servizio continuativo, non rilevano ai fini dell’assoggettamento ad IRAP.
Leggi articolo

IRAP professionisti e compensi ingenti.

La Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 15248 del 22 luglio 2016 ha stabilito che il richiamo alla natura ingente dei compensi non costituisce indice per affermare il presupposto dell’autonoma organizzazione; non sussiste infatti un’attività autonomamente organizzata allorquando il professionista svolga la propria attività professionale personalmente, senza l’ausilio di dipendenti o collaboratori se non occasionali e con beni strumentali di ridotta...
Leggi articolo

IRAP MMG convenzionati con il SSN.

La Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 17506 dell’1 settembre 2016 ha affermato che i compensi corrisposti ad un’unica dipendente assunta part-time con mansioni di segreteria (addetta all’accettazione clienti, registrazione dati, consegna referti ed altre prestazioni ausiliarie) sono insufficienti ad integrare il requisito dell’autonoma organizzazione.
Leggi articolo

IRAP Professionisti

La Cassazione, tornando nuovamente a pronunciarsi, dopo le sentenze delle Sezioni Unite, sull’annosa questione dell’IRAP per i professionisti, con Ordinanza n. 15248 del 22 luglio 2016 ha ribadito che il richiamo alla natura ingente dei compensi non costituisce indice per affermare il presupposto dell’autonoma organizzazione; non sussiste infatti un’attività autonomamente organizzata allorquando il professionista svolga la propria attività professionale...
Leggi articolo

L’onere relativo all’IRAP non può essere legittimamente traslato dalla A.S.L. ai singoli esercenti la professione intra moenia (A.L.P.I.), sia essa effettivamente intramuraria, che allargata.

La Corte d’Appello dell’Aquila ha statuito che l’assimilazione, ai fini fiscali, dell’attività libero professionale intramuraria al rapporto di lavoro dipendente (art. 1 comma 7 L n. 662/1996) comporta che i proventi dell’attività libero professionale intramuraria (intramoenia ovvero allargata) sono equiparati al reddito da lavoro dipendente, per cui i predetti compensi concorrono, secondo le disposizioni di legge, a determinare...
Leggi articolo

TRATTENUTE OPERATE DALL’ASL A TITOLO DI IRAP NEI CONFRONTI DI MEDICI OSPEDALIERI E SVOLGENTI ATTIVITà LIBERO PROFESSIONALE INTRAMOENIA (ALPI).

La Corte di Cassazione ha affermato che il reddito inerente l'ALPI è assimilabile al reddito da lavoro dipendente, e che il soggetto passivo dell'IRAP è solo l’ASL la quale, non potendo sopportare costi per l'ALPI, deve determinare le tariffe del servizio e così traslare gli oneri dell'imposta sui pazienti e non sui medici (cfr. Cass., sez. Lav., 13 gennaio 2016, n. 360).
Leggi articolo


Pagina: 1